Notaio Muzio Giacomo – vendita in pubblica asta (callega) in Sestri Levante

data atto: 1610-1612

sito in:

Regesto:

Mina figlia del fu Geronimo Buffa e moglie in ultimo del fu Gio. Maria Rezzoaglio affida la vendita in pubblica callega di una terra ( … petium terre campive vineate et arborate posite in villa pontis Sigestri, vocate il piano del ponte, cui coheret superius via, inferius flumen, ab uno magnifici domini Nicolai Doria et ab altero Nicolai Mutii quondam Maxoli … ) al dominus Pellegro Solari per il prezzo di 1.600 lire. Solari la pone in asta e il 7 giugno 1610 si aggiudica l’asta il magnifico Nicolò Doria fu Castellino, tramite Tomaso fenoggetto, per il prezzo di 1.601 lire. Nicolò Doria versa in conto del prezzo diverse partite di denaro a vari creditori della venditrice, in particolare al detto Pellegro Solari, il quale riceve 1.000 lire, al nobile Achille Costaguta procuratore post mortem del fu nobile Ambrogio Costaguta in luogo del proprio defunto padre, Vincenzo Costaguta, come da atti del notaio Angelo Lodisio Borzonasca del 20 gennaio 1608 e 14 gennaio 1610, per un debito di Gio. Maria Rezzoaglio nei confronti di Geronoimo Costaguta padre di Ambrogio derivante da un contratto rogato dal notaio Borzonasca il 7 luglio 1597, il quale ne riceve 400.

Note:

Copia autentica estratta dallo stesso notaio Giacomo Muzio.Sul documento è riportata la seguente annotazione: “Instrumento di vendita del piano di Gio. Maria Rezzoaglio del Ponte di Sestri, dove Pelegro Solaro aveva il censo de lire 600 che a contro il signor Nicolò Doria e tutte le chitanze di chi ha pagato il prezzo”.